Vuoi contattarci? info@bedandbreakfastitalia.com

Emilia Romagna: Come aprire un Bed and Breakfast – Le Leggi sui B&B.

Emilia Romagna: Come aprire un Bed and Breakfast – Le Leggi sui B&B.
emilia-romagna_logo

Legge Regionale 28 luglio 2004, n. 16
DISCIPLINA DELLE STRUTTURE RICETTIVE DIRETTE ALL’OSPITALITÀ B.U. n. 102 del 28 luglio 2004

Leggi tutto.

ARTICOLO 13 
ATTIVITA’ SALTUARIA DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE 
1. Si intende per esercizio saltuario di alloggio e prima colazione e può assumere l’identificazione di bed & breakfast l’attività di ospitalità e somministrazione della prima colazione nell’abitazione di residenza e dimora, avvalendosi della normale conduzione familiare, senza la fornitura di servizi aggiuntivi e in ogni caso senza organizzazione in forma d’impresa, in non più di tre stanze e con un massimo di sei posti letto, più un eventuale letto aggiunto per stanza in caso di minori di dodici anni. L’ospitalità può essere fornita per un massimo di centoventi giorni nell’arco del periodo di disponibilità all’accoglienza o, in alternativa, per un massimo di cinquecento pernottamenti nell’arco dell’anno solare. Il marchio d’identificazione B&B, sulla base del modello approvato dalla Regione, può essere affisso all’esterno dell’abitazione.
2. Le caratteristiche strutturali ed igienico-edilizie dei locali adibiti all’ospitalità di cui al comma 1 sono quelle previste per i locali di civile abitazione dai regolamenti comunali edilizi e di igiene.
3. Ulteriori eventuali caratteristiche vincolanti sono indicate nell’atto di Giunta regionale di cui all’articolo 3, comma 2.
4. L’attività di cui al comma 1 è intrapresa previa denuncia d’inizio attività al Comune in cui l’abitazione è ubicata ed è esercitata nel rispetto delle vigenti norme e prescrizioni in materia edilizia, urbanistica, di pubblica sicurezza, igienico-sanitaria e di destinazione d’uso dei locali. L’attività di cui al comma 1 è soggetta ai controlli previsti per le strutture extralberghiere specificati all’articolo 18, comma 2 nei periodi di disponibilità all’accoglienza ed alle sanzioni previste all’articolo 36, comma 2 in caso di omessa denuncia d’inizio attività, nonché alle disposizioni previste in caso di attività irregolare all’articolo 36, comma 9 e agli articoli 25 e 26.
5. Coloro che svolgono l’attività di cui al comma 1 sono tenuti a comunicare al Comune e alla Provincia, entro la data d’inizio dell’attività e, comunque, entro il 1 ottobre di ogni anno, i periodi di disponibilità all’accoglienza nell’arco dell’anno e i prezzi massimi applicati con validità dal 1 gennaio dell’anno successivo. Nella stanza ove si effettua l’ospitalità è esposto il cartellino prezzi. Gli stessi soggetti comunicano, inoltre, alla Provincia i dati sul movimento dei clienti secondo le modalità indicate dall’ISTAT.

ARTICOLO 43 
DISPOSIZIONI TRANSITORIE RIGUARDANTI LE ATTIVITA’ DI BED & BREAKFAST 
1. Coloro che a seguito di denuncia d’inizio attività hanno intrapreso attività di bed & breakfast sulla base della legge regionale 21 agosto 2001, n. 29 (Norme per lo sviluppo dell’esercizio saltuario del servizio di alloggio e prima colazione a carattere familiare denominato “Bed and Breakfast”) provvedono, entro sei mesi dall’abrogazione della legge stessa, ad effettuare una nuova denuncia d’inizio attività, conformemente a quanto previsto dalla presente legge, ai sensi dell’articolo 13 o dell’articolo 10.

ARTICOLO 46 
ABROGAZIONI 
1. La legge regionale 30 novembre 1981, n.42 (Classificazione delle aziende alberghiere) è abrogata a far data dalla pubblicazione dell’atto di Giunta regionale che regolamenta le caratteristiche ed i requisiti riguardanti le strutture ricettive alberghiere di cui all’articolo 3, comma 2.
2. La legge regionale 7 gennaio 1985, n. 1 (Nuova disciplina dei complessi turistici all’aria aperta) è abrogata a far data dalla pubblicazione dell’atto di Giunta regionale che regolamenta le caratteristiche ed i requisiti riguardanti le strutture ricettive all’aria aperta e le tipologie indicate all’articolo 4, comma 9, lettere b) e c), di cui all’articolo 3 comma 2.
3. La legge regionale 25 agosto 1988, n. 34 (Disciplina per la gestione delle strutture ricettive extralberghiere) è abrogata a far data dalla pubblicazione dell’atto di Giunta regionale che regolamenta le caratteristiche ed i requisiti riguardanti le strutture ricettive extralberghiere e la tipologia indicata all’articolo 4, comma 9, lettera a), di cui all’articolo 3 comma 2.
4. La legge regionale 29/2001 è abrogata a far data dalla pubblicazione dell’atto di Giunta regionale di cui all’articolo 3, comma 2 riguardante la gestione delle attività di bed & breakfast.

0 Comments

Leave a reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>